leva finanziaria GDPR tramite blockchain

(29 dicembre 2017)

Durante lo scorso anno, si è verificata una tendenza alla discussione in aumento per quanto riguarda il GDPR e il suo impatto su vari settori. Il GDPR rappresenta un regolamento europeo, il cui intento è quello di rafforzare, unificare e agire da equalizzatore sulla protezione dei dati per tutti gli individui a livello europeo. È stato votato e adottato nellaprile 2016 con un periodo di transizione di 2 anni, diventando applicabile a partire dal 25 maggio 2018.

Il regolamento globale sulla protezione dei dati copre gli aspetti tecnici, gli aspetti morali e stabilisce le regole e le multe per le entità che non sono conformi alle nuove regole del gioco. Sostituisce una direttiva UE esistente ( direttiva 95/46 / CE) del 1995 per introdurre le politiche sulla protezione dei dati lUE si aggiorna e fa leva sulla proprietà dellutente sui propri dati.

Per metterlo in prospettiva, le aziende che si occupano di dettagli privati ​​individuali stiamo parlando di istituzioni finanziarie (dalle banche alle compagnie di assicurazione), sui servizi di social media come Google o Facebook (per citare i più grandi) e qualsiasi sito web che raccolga dati personali (a proposito, lIP di Internet è considerato un dato personale).

Il regolamento globale sulla protezione dei dati si applica a ogni azienda che offre i propri servizi ai cittadini europei, siano essi statunitensi o unazienda cinese. Ogni azienda che si occupa di dati personali, secondo il GDPR, raccoglierebbe il minimo di dettagli di cui ha bisogno per fornire il proprio servizio; non avranno accesso ai dettagli personali a meno che non comunichino esplicitamente a ciascuna persona i dettagli a cui devono accedere e non ricevano lautorizzazione del cliente.

Perché il GDPR è un rivoluzionario?

La direttiva GDPR protegge le informazioni di base sullidentità (come nome, indirizzo e numeri ID), dati web (come posizione, IP indirizzo, dati dei cookie e tag RFID), record sanitari e genetici, dati biometrici, dati razziali o etnici, opinioni politiche e orientamento sessuale.

La pressione normativa imposta dal GDPR conferisce potere allindividuo e riduce al minimo controllo detenuto dagli operatori di dati quando si tratta di utilizzare i dati personali. Tuttavia, se le aziende agiscono di conseguenza, il loro rapporto con i clienti si rafforzerà.

Lo scenario GDPR in un istituto finanziario

Prima del GDPR: la segmentazione dei clienti sarebbe possibile solo dopo aver ottenuto il consenso esplicito da parte loro per accedere ai propri dati personali. Pensa a una banca che lavora su un nuovo prodotto (diciamo una nuova carta di credito). Vorrebbero trovare il segmento giusto nei loro clienti esistenti per vendere quel nuovo prodotto. Ciò significherebbe che iniziano a scavare nel loro sistema bancario di base e trovano le persone giuste (in base alletà, al sesso, allo stato civile, alla posizione o al reddito). Qualsiasi servizio orientato al cliente può farlo senza informare i propri clienti, cosa che accade da anni (da qui tutte quelle email di marketing contenenti spam nella tua casella di posta).

Dopo il GDPR: le stesse aziende / istituzioni saranno obbligate a informare ogni cliente su cosa sta facendo, a quali dettagli ha bisogno di accedere, per quanto tempo e ricevere il consenso da ogni individuo. Ciò ora impone che la banca sia solo la custode dei nostri dati, non il proprietario. Siamo proprietari dei nostri dati.

Scenario GDPR nei social media

Prima del GDPR: Oltre 2 miliardi di persone accedono a Facebook , di cui circa 300 milioni sono europei. Ciò significa che oggi Facebook può tracciare e raccogliere quanti più dati possibile su questi 300 milioni (ad esempio, numero di telefono, indirizzo, scuole, carte di credito o data di nascita). Offriamo questi dettagli perché vengono richiesti per vari motivi di connettività o sicurezza, ma perdiamo il controllo su come vengono ulteriormente utilizzati una volta che li condividiamo. Non possiamo smettere di concedere loro laccesso perché, anche se li eliminiamo, i dati sono ancora lì, su nastri di backup.

Dopo il GDPR: i social media dovranno fornire ( per gli utenti europei) i mezzi per controllare le modalità di accesso ai propri dati, da chi e per quale motivo; eliminare tutti i dettagli dalla loro applicazione su richiesta (pur essendo in grado di dimostrarlo).

Un sistema di identità digitale su blockchain è già unidea ben nota. In effetti, è un caso duso classico per la tecnologia blockchain; utilizzando una funzionalità integrata, la blockchain offre immutabilità, sicurezza crittografica, nessun singolo punto di errore e proprietà dei dati.

Lindividuo può ora assumere il controllo dei propri dati e consentire solo ai fornitori di servizi selezionati di accedere alle loro informazioni.Laccesso ai dati è offerto a livello di documento. Utilizzando blockchain, un individuo può scegliere di condividere il proprio numero di previdenza sociale e indirizzo con il proprio medico, ad esempio, condividendo solo lindirizzo e il numero di telefono con la società via cavo o i fornitori di servizi.

Allo stato attuale , quando un livello di mobilità mai incontrato prima è stato raggiunto, cè la normale aspettativa di avere accesso a servizi uguali o equivalenti in qualsiasi luogo. Per una persona che si trasferisce in un altro paese, iscriversi a tutti i servizi di pubblica utilità può essere complicato. Utilizzando i loro dati, già registrati nel paese da cui si trasferisce. Con la nuova prova di residenza, possono registrarsi per tutte le loro esigenze in modo più veloce, accessibile e più sicuro mantenendo lo stesso livello di accesso o addirittura superiore di dettagli per quello specifico fornitore di servizi.

Blockchain può sfruttare la gestione delle identità e fornire un controllo allutente come mai prima dora.

Se hai commenti o desideri discuterne ulteriormente, puoi trovarmi su: