# 345: The Christmas List (Italiano)

Come sentirsi natalizi in una pandemia

(Eleanor Scorah) (3 dicembre 2020)

Un foglio di carta blu con un elenco, una penna, una candela e due palline.

Ti senti natalizio? No? Bene, allora comincerò.

Forse non festeggi mai il Natale, nel qual caso probabilmente sei troppo abituato alla pressione per provare quei sentimenti di festa, senza provare nulla in particolare.

O forse, come me, questanno sembra diverso per te, e il normale ribollire di quel calore di pancia piena di carne macinata semplicemente non è ancora accaduto.

È ancora presto. Non cè una vera ragione per farsi prendere dal panico. Ci sono molte cose diverse questanno, e credo fermamente nel non fare pressione su te stesso per sentirti in un certo modo. È quando abbiamo aspettative che spesso ci sentiamo più in disaccordo con noi stessi.

Detto questo, quando cè un vuoto di esperienze presenti o future, una mancanza delle solite attività natalizie, il passato si diffonde. Buoni o cattivi ricordi, non trovo divertente essere impantanato nei fantasmi del Natale passato. Cè un motivo per cui Scrooge torna volentieri al presente, e vorrei essere presente anche questo Natale.

Ma come si fa in un anno di pandemia? Come creiamo nuovi ricordi quando le nostre opzioni sono così limitate? Alcune delle esperienze più “natalizie” nascono naturalmente: girovagare per una strada illuminata da lampioni avvolto in un maglione di lana, notare che le torte festive arrivano a Greggs, inciampare in artisti di strada che cantano canzoni famose e tutto – lavoro o spettacolo – diventa improvvisamente Natale a tema. Mentre siamo bloccati nelle nostre case, tuttavia, sta a noi far apparire quei sentimenti natalizi.

E così, in una risposta molto particolare, ho fatto una lista di Natale. Non una lista di regali, ma un elenco di piccole attività, compiti natalizi a bassa pressione che potrei divertirmi a casa. Non è un elenco di cose da fare in quanto tale: alcuni elementi devono essere completati, ma altri sono piccoli promemoria per me stesso di ciò che posso fare invece di fissare il mio telefono guardando altre persone che decorano i loro alberi.

Fare una lista è latto di tirare fuori i pensieri dalla tua testa e formarli in modo tangibile. È un passo verso la trasformazione del pensiero in azione. Ed è rassicurante poter tenere in mano un oggetto che dice: “Ecco alcuni piccoli passi per risolvere il tuo problema”.

Le liste sono la mia coperta di conforto e non è diverso questo Natale. Ma la mia lista è breve e priva di idee, quindi se crei una lista come la mia, dimmi cosa cè sopra perché mi piacerebbe condividerla.

è una scrittrice che usa le sue abilità nel pensare troppo scrivere un post sul blog settimanale sugli oggetti di uso quotidiano. Per saperne di più, controlla il suo blog, una collaborazione con un collega Medium blogger.