157 prigionieri politici sono stati rilasciati, inclusi Majid Zarehpoosh, Javad Bolandjah e Mohammad Habibi

(10 novembre 2020)

Mohammad Habibi, nella foto qui, è stato tra i prigionieri politici rilasciati durante lamnistia generale di questa settimana. Habibi è un membro del consiglio di amministrazione dellUnione degli insegnanti dellIran e in precedenza è stato segretario dellAssociazione degli studenti islamici dellUniversità Shahid Rajaei di Teheran.

Secondo i ricercatori dell Iran Prison Atlas , Gholamhossein Esmaili, portavoce della magistratura iraniana, ha dichiarato oggi in una conferenza stampa che un totale di 2.301 i prigionieri dovevano essere rilasciati, compresi 157 prigionieri etichettati come “detenuti della sicurezza” che sono stati arrestati per aver preso parte a proteste contro il governo. Questi 157 prigionieri sono stati accusati di crimini tra cui propaganda contro il regime, cospirazione, collusione e per presunta partecipazione a rivolte contro il governo.

Lamnistia dei prigionieri faceva parte di una consueta clemenza che segna il compleanno del Il profeta Maometto. Tali amnistie sono state utilizzate dalla Repubblica islamica in modi sfaccettati nel corso degli anni, sia come un modo per dipingere un quadro più giusto del governo, sia come un modo per ridurre il carico sulle carceri in aumento.

Molti dei 157 prigionieri politici rilasciati hanno preso parte alle proteste del novembre 2019, che inizialmente sono iniziate a causa di crescenti preoccupazioni economiche, ma alla fine sono cresciute in un grande movimento contro la leadership iraniana. Durante quelle proteste, le forze di sicurezza iraniane hanno represso violentemente le proteste e persino ucciso molte delle persone coinvolte per sedare i disordini. Il team dellIran Prison Atlas ritiene che questi prigionieri vengano rilasciati in prossimità dellanniversario di quelle proteste come un modo per ripristinare limmagine della Repubblica islamica.

Tra quelli rilasciati includono Mohammad Habibi , un importante attivista per i diritti dei lavoratori con lUnione degli insegnanti dellIran, insieme a Javad Bolandjah e Majid Zarehpoosh , che sono stati tutti rilasciati dalla prigione di Fashafoyeh nelle ultime 24 ore.

Il team dellIran Prison Atlas continuerà a monitorare la situazione e fornire aggiornamenti sui prigionieri politici non appena vengono rilasciati.